PUBLIC PROGRAM || dal 23.05.2018

da 23/05/2018 a 28/06/2018

 

1 lecture, 5 talk, 2 workshop per approfondire i temi della mostra "Life in cities" di Michael Wolf.
Ogni incontro, a cura di Giulia Zorzi / Micamera, è una riflessione sulla rappresentazione e sulla vita nelle città ed è accompagnato da una apposita selezione editoriale presso il bookshop delle Stelline.

Nelle serate degli incontri la mostra "Micheal Wolf. Life in cities" rimane aperta fino alle ore 21.00, con ingresso ridotto € 6.

DANA LIXENBERG
lA CITTÁ AI MARGINI: Imperial Courts 1993-2015

giovedì 28 giugno 2018 > ore 19

Un album di famiglia, un’ode al quartiere complessa ed evocativa dello scorrere del tempo in una comunità di periferia, lontano dal sensazionlismo e dagli stereotipi.
Questo è Imperial Courts, di cui la fotografa e film-maker olandese Dana Lixenberg parlerà durante il talk "La città ai margini: Imperial Courts 1993-2015", ultimo appuntamento del public program della mostra Michael Wolf, Life in cities.
lmperial Courts è il nome di un “housing project” a Watts, nella zona sud di Los Angeles, dove Dana Lixenberg viene mandata per la prima volta nel 1992 da una rivista, in seguito alle rivolte scatenate dal verdetto nel processo per il pestaggio di Rodney King. L'autrice torna nel quartiere di edilizia popolare per i successivi 22 anni, documentandone la vita e i cambiamenti.

Nel 2015 l'intero lavoro – che prevede una mostra, un libro disegnato da Roger Willems e uscito per Roma Publications e un documentario web realizzato in collaborazione con Eefje Blankevoort – viene presentato con una grande esposizione personale, Imperial Courts 1993-2015, presso il Museo Huis Marseill di Amsterdam e nel 2017 si aggiudica il premio Deutsche Börse.
Esposto a Micamera nel gennaio 2016, è attualmente in mostra a Budapest (Mai Manó House, fino al 16 agosto) e aprirà il 6 settembre a Belfast Exposed. Una nuova mostra dal titolo American Images inaugura il 14 settembre presso la galleria GRIMM di Amsterdam.

imperialcourtsproject.com

Al termine dell’incontro, Dana Lixenberg firmerà le copie del suo libro presso il bookshop a cura di Micamera.

L'incontro si svolgerà in inglese
Ingresso libero fino ad esaurimento posti
 

Lecture

MICHAEL WOLF. Life in cities
giovedì 7 giugno 2018 > ore 19 || Photoweek
Un'occasione unica per incontrare Michael Wolf e approfondire la sua pratica fotografica, attraverso cui mette a fuoco la relazione tra struttura sociale, cultura vernacolare e costruzione architettonica. Scatti e progetti capaci di cogliere nelle complessità strutturali del paesaggio urbano tracce della densità di quello umano, attraverso serie sempre diverse, passando dal primo fotogiornalismo (Bottrop Ebel) alla fotografia d'arte, dalle immagini soffocanti di Architecture of Density o Tokyo Compression alle fotografie che attraversano i palazzi trasparenti di Chicago (Transparent City); e infine, dall'indagine dell'uso privato dei stretti vicoli di Hong Kong (Informal Solutions)  arrivando a sfiorare il confine tra rappresentazione e astrazione, come nella serie dedicata ai tetti di Parigi (Paris Rooftops).
photomichaelwolf.com


Talk

Marc Feustel. Rilegato in Asfalto: Il Fotolibro e la Città
mercoledì 23 maggio 2018 > ore 19
La città raccontata dagli artisti nei libri di fotografia, da Michael Wolf ad altri autori.
Marc Feustel è curatore, scrittore ed editor. E’ specializzato in fotografia giapponese. Ha curato il volume Michael Wolf: Works (Peperoni Books, 2017), primo catalogo retrospettivo dedicato al lavoro di Michael Wolf.
Sua anche la curatela di diverse mostre, tra cui: Tokyo Stories (Kulturhuset,Stoccolma), Eikoh Hosoe: Theatre of Memory (Art Gallery of New South Wales, Sydney), Okinawa: une exception japonaise (Le Plac’Art Photo, Parigi) e attualmente è co-curatore della Düsseldorf Photo Biennale. Scrive regolarmente di fotografia per varie riviste tra cui: British Journal of Photography, The Eyes, Foam, IMA, The PhotoBook Review and Polka.
marcfeustel.com

Henk Wildschut. La città provvisoria: Ville de Calais
mercoledì 30 maggio 2018 > ore 19
La “Giungla di Calais”, luogo di speranza per migliaia di migranti e rifugiati politici in attesa di poter raggiungere le coste inglesi. Una città informale ma realmente strutturata, con ristoranti, panetterie, barbieri, il necessario per una vita dignitosa all’interno di un luogo che non é segnato sulle mappe convenzionali. A cominciare dal 2005 il fotografo olandese Henk Wildschut ha documentato una geografia fisica e politica del luogo confluita anche in uno straordinario volume disegnato da Robin Uleman.
La “Giungla di Calais” é stata definitivamente smantellata nell’ottobre 2016.
Un lavoro esposto a Milano nel 2017 nella mostra ‘La Terra Inquieta’ ideata e curata da Massimiliano Gioni, promossa da Fondazione Nicola Trussardi e Fondazione Triennale di Milano. Il libro è stato selezionato per la shortlist del premio Paris Photo - Aperture PhotoBook Award nel 2017 e ha vinto il Prix du Livre 2017 del festival di Arles.
henkwildschut.com

MICHAEL NYMAN. Tre partiture urbane. Immagini e musica
mercoledì 6 giugno 2018 > ore 19 || Photoweek
Michael Nyman, uno dei più innovativi compositori viventi che, parallelamente all'attività musicale, si dedica da tempo alla fotografia e alla regia, presenterà tre opere che intrecciano in modi diversi suoni e immagini della città.
Teorico del minimalismo musicale, che prima cerca la semplificazione poi insegue la complessità, da oltre vent’anni realizza cortometraggi e mediometraggi in cui sperimenta le forme del cinema. Tra i suoi lavori più importanti ricordiamo “War Work: 8 Songs with Film" e "NYman with a movie camera".
Molti dei suoi progetti sono stati esposti in mostre personali e collettive in diverse città: Londra, Edimburgo, Parigi, Berlino, Roma, Miami, Boston e Città del Messico. Le performance serali al Miami Art Fair sono state seguite da migliaia di persone, così come alla presentazione per un pubblico esclusivo alla Zona Maco Art Fair di Città del Messico, all’Odessa Film Festival in Ucraina, a Boston, a Dublino, in Polonia, in altri Paesi europei e negli Stati Uniti. I lavori videoinstallativi di Nyman sono stati esposti in musei come il Tate Modern di Londra, il Reina Sophia Museum di Madrid e il Museum of Modern Art di New York. Al Festival Internazionale di Edimburgo “NYman with a Movie Camera” ha ricevuto grandi onori di critica e pubblico. Nel 2017 è stato ospite della Festa del Cinema di Roma.
michaelnyman.com

Stefano Carnelli e Urbiquity. La città che cambia
La fotografia come metodologia di ricerca sociologica-urbana
mercoledì 20 giugno 2018 > ore 19

Urbiquity è una piattaforma d’investigazione urbana fondata da Stefano Carnelli, Pablo Conejo e Mattias Malk nel 2014 a Londra.
Attraverso un approccio multidisciplinare, Urbiquity si pone l’obiettivo di esplorare le molteplici identità della città globale, proponendo nuove forme d’interpretazione della complessità del contesto urbano in cui viviamo.
Questo incontro presso Fondazione Stelline è stato preceduto da una passeggiata notturna ispirata dal film La Notte di Antonioni (nella zona del Centro Direzionale) e da un laboratorio di ricerca urbana nella zona di via Padova realizzato durante la Milano Photo Week 2018.
L’attraversamento e l’osservazione consapevole di due quartieri così differenti sarà il filo conduttore di un incontro dedicato all’analisi di alcune delle trasformazioni urbane e sociali della Milano contemporanea.
Stefano Carnelli è autore di Transumanza (Peperoni Books, 2016) e cofondatore di Urbiquity.
Al termine dell’incontro, Carnelli firmerà le copie del suo libro presso il bookshop a cura di Micamera.
urbiquity.com


Workshop

Stefano Carnelli e Urbiquity. Milano e la notte: urban walk
venerdì 1 giugno 2018 > 18:30-22:30 
e sabato 2 giugno > 10:00-13:00
La Notte (1961), film culto di Michelangelo Antonioni, costituisce una formidabile testimonianza degli sconvolgimenti urbani e sociali della Milano del boom economico. Sono molte le similitudini con la crescita urbana e i cambiamenti sociali della Milano dell’ultimo decennio.
Prendendo La Notte come spunto, Stefano Carnelli di Urbiquity propone un laboratorio di analisi sociologica-urbana della Milano contemporanea utilizzando la combinazione tra fotografia e urban walk come metodologia di ricerca.
Urbiquity è una piattaforma internazionale di fotografia e ricerca urbana fondata nel 2014 da Stefano Carnelli, Pablo Conejo e Mattias Malk.
urbiquity.com

Michael Wolf e Hannes Wanderer. Guida essenziale alla realizzazione di un libro
sabato 9 e domenica 10 giugno 2018 > dalle 10 alle 18 || Photoweek
Due giorni con il fotografo Michael Wolf e l’editore Hannes Wanderer.
Negli ultimi dieci anni, Michael Wolf ha pubblicato 20 libri con la casa editrice di Wanderer Peperoni Books. Un numero che è il risultato di una grande sintonia creativa e pratica. Tra questi, il catalogo retrospettivo "Works" (uscito nel 2017 e già alla terza edizione), "Architecture of Density", "Tokyo Compression", "Real Fake Art", senza dimenticare "A Series of Unfortunate Events", il primo libro a usare immagini tratte da Google Street View.
Nel corso del fine settimana, Michael Wolf e Hannes Wanderer racconteranno della loro collaborazione e di questo viaggio comune nel mondo della fotografia. Soprattutto, offriranno un duplice punto di vista sui lavori di tutti i partecipanti al workshop, che verranno discussi insieme. I due docenti daranno preziosi consigli, aiuteranno a impostare il lavoro e a renderlo migliore.

Info

Talk / Fondazione Stelline
a ingresso libero fino a esaurimento posti

Workshop / MiCamera
a pagamento
(iscrizione associazione@micamera.it / 02 4548 1569 / 335 6817 917)

Tutti gli appuntamenti sono in lingua inglese, tranne quelli dell’1, 2 e 20 giugno.
 

Scarica il programma qui sotto